Cellulite e adiposità localizzate

Cellulite e adiposità localizzate

Con il termine cellulite si fa riferimento ad una vera e propria patologia denominata Panniculopatia Edemato-Fibro Sclerotica (PEFS); si tratta di un processo degenerativo a carico del tessuto adiposo sottocutaneo (pannicolo) e si sviluppa di frequente nelle zone di Adiposità Localizzata, cioè di accumulo di cellule di grasso, che di per sé non rappresenta un fatto patologico. Alla base della cellulite c'è un'alterazione del microcircolo veno-linfatico con conseguente riduzione dell'apporto di ossigeno al tessuto che si traduce progressivamente nella stasi circolatoria. Nasce da ciò una tendenza all'accumulo, negli interstizi cellulari, di liquidi e soprattutto cataboliti cioè di sottoprodotti del metabolismo espulsi dalle cellule e non più drenati. La sofferenza delle cellule, che non riescono ad espellere i cataboliti, si traduce in fibrosi ed infine sclerosi del tessuto. Contestualmente si sviluppano nuove fibre di collagene che legano fra di loro le cellule di grasso (adipociti) con la formazione di noduli sottocutanei che crescendo divengono palpabili e spesso dolorosi. La Cellulite è una patologia molto diffusa ed è prerogativa del sesso femminile soprattutto di razza bianca: si manifesta dopo la pubertà con andamento cronico evolutivo. Le aree colpite sono principalmente le braccia, l'addome, i glutei, il pube, la zona trocanterica, la zona interna del ginocchio, la zona perimalleolare. Esiste una predisposizione genetica costituzionale (alterazioni circolatorie, ormonali…) su cui si sovrappongono alterazioni ormonali; tutto questo viene complicato da fattori esterni quali disordini alimentari, sia quantitativi che qualitativi, stitichezza, sedentarietà, stasi venoso-­‐linfatica, ecc. La complessità di questo fenomeno richiede un approccio terapeutico integrato, che utilizzi diversi presidi generali e locali. Occorre anzitutto eliminare tutti i possibili fattori causali esterni insistendo maggiormente sullo stile di vita (attività fisica, alimentazione, abuso di fumo e droghe, alcolici, …) e poi intervenire con trattamenti mirati di Medicina Estetica che attualmente garantiscono risultati visibili, duraturi e con il minimo dell’invasività.

Trattamenti disponibili:

• Mesoterapia allopatica e omotossicologica
• Microterapia allopatica e omotossicologica
• Elettroveicolazione transdermica (dermoelettroporazione/mesoterapia senza aghi)
• Carbossiterapia
• Intralipoterapia (riduzione non chirurgica del grasso)
• Endermologie® (LPG)
• Pressoterapia ad aria

I commenti sono chiusi